• Pubblicata il:
  • Autore: Ninfotimido
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Ninfotimido
  • Categoria: Racconti etero

Un ragazzino

Un po' di tempo fa conobbi una trans di nome Camilla, lei era giocosa, allegra, ridevamo e scherzavamo su tutto, Camilla era Colombiana, una biondona dal corpo da Barby e due occhi dolcissimi, lei sapeva che ero gay e passivo ma non ha mai cercato di volermi ed io non ho mai provato a chiederglielo, un giorno mi chiama e mi dice che è arrivato il suo fratello e che il giorno dopo avrebbe compiuto i 20 anni, mi voleva invitare alla festa, ho accettato ed il giorno dopo che era domenica sono andato da lei.
Appena suonato alla porta mi viene ad aprire un ragazzo, io rimango estasiato dalla sua bellezza, dalla dolcezza dei suoi occhi, lui mi sorride e mi dice "Sei Ivano?", "Si sono io", "Entra allora, mia sorella mi ha parlato molto di te e mi ha incuriosito", "Ti ha detto anche la mia tendenza?", "Soprattutto questa mi ha incuriosito", dentro in casa c'era Camilla, che vedendomi mi viene incontro, mi abbraccia e di dà un bacio caloroso, il fratello che si chiama Manuel invece mi abbraccia da dietro e mi bacia sul collo e le orecchie, mi bacia e mi lecca, mi bacia e mi lecca così che io cedo lentamente e dopo che Camilla mi ha lasciato mi lascio portare in camera sua, mi deposita sul letto e mi spoglia, mi spoglia e mi bacia, i suoi occhi brillano di voglia, capisco subito che mi vuole, che vuole farmi suo, una volta nudo prende le mie gambe e le mette sulla sua schiena, appoggia il suo cazzo al mio cuylo e lentamente mi entra dentro parlandomi dolcemente, "Sai mia sorella ti vuole bene, mi ha detto mille volte che sei dolcissimo e che avrebbe voluto scoparmi, ma non l'ha fatto perché voleva che fossi io il primo, Ivano io ti voglio, voglio prendetti, voglio che tu sia mio, che tu appartenga a me e a mia sorella, tu sei la nostra bambola, io ascoltavo e lentamente sentivo che il suo uccello entrava sempre di piu' dentro di me, io ero ancora in trance per le leccate e i baci di prima e mi lasxiai fare, poi sentii che lui era entrato completamente in me "Ecco ora sono tutto dentro amore, ora ti farò mio, anzi mia, quando sarai con noi ti truccheremo e vestiremo da femmina, sarai la nostra femmina e dovrai essere sempre in calore per noi, ora ti scopo, ti sborro dentro e dopo sarai nostra", il ragazzo cominciò a scoparmi lentamente ma ben presto fu' preso dalla foga ed il ritmo divenne frenetico, martellante e profondo, io entrai presto in delirio e cominciai ad incitarlo "Dai dai scopami, scopami, s fammi tuo, lo voglio anch'io, scopa la tua troietta in calore, scopami sempre, siiiiiiii", ma ben presto non potei piu' parlare perché era entrata Camilla e aveva estratto il suo cannone, il suo enorme cazzo di 28x8, feci fatica a prenderlo in bocca così mi limitai a leccare il prepurzio e tutta l'asta, leccai uno per uno anche i suoi grossi coglioni, intanto sentii che il ragazzo era al limite difatti di lì a poco il mio culo venne allagato da 9 fiotti di sperma caldo e attaccaticcio, uscì subito da me e vi entrò Camilla e mi sentii mancare il fiato, aprii al massimo la bocca per respirare e fu' subito riempita dal cazzo sporco di sperma del ragazzo, gli pulii perfettamente l'uccello scoprendo che la sua sborra era deliziosa, intanto Camilla mi cavalcava ferocemente "finalmente ivano ti possso scopare, finalmente, non vedevo l'ora, qualche volta avrei voluto saltarti addosso, ma ora mi scateno e ti allago il culo, siiii siiii eccomi arrivaaaaaaa", il mio culo già pieno ricevette un'altra ondfata di sperma bollente, sperma che poi assaggiai trovandolo un po' acido.
Alla fine Camilla ed il fratello mi diedero della carta da mettere dentro il culo per non far fuoriuscire la loro sborra.
Il ragazzo mi stette vicino tutta la sera, cenai da loro e dormii da loro soddisfandoli anche per tutta la notte.
La mattina dopo puzzavo di sperma da far schifo, mi fecero fare una doccia e poi stancamente me ne tornai a casa.

Vota la storia:




27/11/2014 22:35

Camillo 2

--I CULATTONI via...ai forni crematori...maledetti americani....

26/11/2014 13:52

Camillo 2

Maledetta anche mia mare allora

26/11/2014 00:37

Camillo 2

Maledetto tu e ovviamente. gli americani!!!

25/11/2014 22:51

Camillo 2

Mio nonno purtroppo, scampò anche lui ai forni...

25/11/2014 19:38

Camillo 2

Altro CULATTONE scampato ai forni crematori...Maledetti americani!!!

25/11/2014 13:16

Camillo 2

Magari io

07/12/2014 01:58

Mirabella

Ne ho uno per te... Figlio dì cagaamericani

05/12/2014 20:06

Camillo 2

X Mirabella : Io non offenderò mai tua madre che, poveretta chissà cos'avrà patito nel vederti CULA, io mi limito a definirti SOZZONE e basta. Rubanik è un NEOLOGISMO ( informati cosa sono i neologisni) del quale mi pregio d'averlo inventato io; Kappito CULA? e...detto ciò ELEVO la mia solita imprecazione --> ripetendo l'insulto agli americani che vincendo la guerra hanno troncato le aspettative dei benpensanti sullo STERMINIO DEL CULA ... Maledetti americani !!!

05/12/2014 01:48

Mirabella

Impara l'italiano... E anche l'inglese se hai tempo... Rubanik che cazzo è un nuovo supereroe? Sei un Frocio... Tu e quel pirla che non si è tirato indietro e ha fatto cagare alla cagna che scopava un aborto come te...

04/12/2014 00:53

Camillo 2

I rubanik non concludono mai con l'invettiva agli americani, non possono farlo è nel loro DNA e, in considerazione di ciò Chiudo ripetendo l'insulto agli americani che vincendo la guerra hanno troncato le aspettative dei benpensanti sullo STERMINIO DEL CULA ... Maledetti americani !!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!