• Pubblicata il:
  • Autore: Elisabetta
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Elisabetta
  • Categoria: Racconti etero

VORREI DIRLO AL MIO RAGAZZO

Tutto è cominciato sette mesi fa, quando sono iniziati i miei corsi del terzo anno alla facoltà di chimica. La mia famiglia mi ha consigliato di prendere casa vicino all’università, perché era troppo stressante il viaggio. Abbiamo scelto una casa di 2 stanze da dividere con una coinquilina. Ai miei piaceva, perché era vicina al posto dove studio poi perché l’appartamento è piccolo e poi perché secondo loro la mia compagna non mi avrebbe distratto perché lavorava nel settore logistica di un azienda di Import Export e quindi stava lontano tutto il giorno. Invece è da quel momento che tutto è cominciato… Già la prima sera, che mi sono trasferita, ho ricevuto l’invito dalla mia compagna di stanza, una donna di colore di poco meno quarant’anni, alta, magra con i capelli lunghi neri per andare ad una festa di un suo amico. Quella sera ci divertimmo molto. Notai che lei, anche se molto sensuale e delicata era in realtà forte, decisa ed autoritaria. L’ammiravo perché da ragazzotta ingenua di paese quale ero pensavo che mi avrebbe insegnato tante cose buone. Abbiamo iniziato ad uscire spesso insieme… una sera in particolare, in un locale mi chiese se volevo accompagnarla in bagno… Si abbasso il pantalone in latex e le mutandine ed usci fuori un cazzo enorme… grosso almeno il doppio o il triplo rispetto a quello del mio ragazzo… Mi chiese se volevo toccarlo, lo presi in mano e lo scappellai… era duro con l’acciaio… La cosa mi aveva colpita, ero eccitata, ma pensavo fosse finita lì. Quando tornammo a casa, mi misi a letto a leggere, lei andò a fare la doccia. Tornò nuda nella mia camera. Era bellissima, ancora bagnata aveva i fianchi tondi ed un seno enorme da far invidia ad una modella e profumava di buono. Avvicinò la cappella turgida alla mia bocca… e non potei fare altro che succhiarlo in bocca, iniziando un pompino da favola. Avevo tanta voglia, lo leccavo, leccavo le palle, cercavo di ingoiarlo tutto, leccavo la cappella, intanto mi spogliavo… Lo volevo assolutamente nella fica tutta bagnata. Infatti lei iniziò a chiavarmi. Mi dava colpi fortissimi, poi mi ha fatto mettere a novanta gradi ed ha iniziato a chiavarmi da dietro. Si interruppe solo per un poco, per andare nella sua stanza, lì prese una cremina in un tubetto e una specie di fallo di plastica. Nel mentre mi chiavava con forza di fica inizio a lubrificarmi il buchetto del culo e contemporaneamente vi infilava il cazzo di plastica. Insomma nel giro di poco ero dilatata abbastanza e prese ad incularmi. Ero vergine di culo… mi stantuffava, non so come faceva, ma già dalla prima volta mi sembrava di sentire le palle che sbattevano sul culo e non solo non sentivo dolore come dicevano le mie amiche ma anzi provavo piacere. Mi diceva che era una trans solo attiva e che era un eccezione la fica ma lei ama chiavare uomini e donne solo di culo. Da quella sera, Michelle, mi ha trasformato nel suo giocattolo preferito… Accade che all’alba quando sto ancora dormendo mi costringe a fargli un pompino sborrandomi in bocca o sul seno... il pomeriggio ad ora di pranzo non esce se non mi dà prima qualche botta arrivandomi nel culo… la sera dopo avermi chiavato ben bene sempre di culo per almeno mezz’ora mi arriva addosso spalmandomi la sua crema calda in faccia o sul corpo e non vuole che mi lavi. Hai voglia a mettere il profumo, ci sono mattine che ho fatto tardi, non sono riuscita a fare la doccia andando ai corsi con i capelli appiccicati di sborra e con le amiche che mi sfottono: “hmm… che buon odore che hai”. Poco dopo l’iniziò della nostra relazione cominciò a portarsi a casa i camionisti di passaggio dell’azienda dove lavora, in particolare me li portava nudi nella stanza… sono uomini di ogni età alcuni oltre sessantenni grassi, sporchi, senza capelli e senza ritegni… Oramai sono diventata una fanatica del porno, il culo è completamente aperto e non c’è bisogno di lubrificarlo per chiavarmi, faccio pompini e do la fica ed il culo a tutti quelli che mi porta Michelle. In sette mesi mi sarò fatta scopare da più di cento uomini… non riesco a resistere al cazzo di Michelle ed ai suoi ordini. Vorrei dirlo al mio ragazzo per lasciarlo, ma non so come fare……….

Vota la storia:




08/06/2014 19:48

mamobx

davvero... dite dove siete che vengo anche io a fare un giro in giostra....

04/06/2014 16:04

Consulente Psicoterapico

Chi ha scritto la storia è effettivamente un uomo, affetto da schizofrenia con disturbo bipolare della personalità. Egli a volte si identifica con l'uomo malato (la trans) solo attivo a volte con la fanciulla ingenua solo passiva. Sarebbe interessante conoscere l'eziologia per stabilirne con chiarezza il grado patologico.

04/06/2014 15:00

carlo

Anchio son d accordo con camillo2 quando parla di un laureato in meno e un culo sfondato in piu! anche se la storia non mi convince! Per esempio: l autore puo essere anche un omosessuale e non una donna! per quanto riguarda l uso del preservativo c è da dire solo: chi e ' causa del suo mal pianga se stesso! ANCHE se pensavo che il sida fosse un supermercato...... ah ah

04/06/2014 09:11

MAX

e sei stato bravo a capirlo se non sai la lingua anche perchè in spagnolo,"sida" è femminile mentre il tipo ha scritto "il sida"

03/06/2014 20:55

Traduttore Itagliano

X Camillo 2 Non mi piace fare il professore d'italiano... E nemmeno ne sarei capace, ma cazzo, ho impiegato dieci minuti a capire cos'era il SIDA..........".

03/06/2014 17:16

Camillo 2

X il "Correttore itagliano" Ma sai amico in che pantano ti sei messo per il tuo VOLER insegnare l'itagliano ? Un certo k-kakka ti subisserà d'improperi, lui dice che questo non è un sito scolastico, e, da ignorante com'è invece di cogliere la palla al balzo, s'incazza. Preparati al suo assalto. Auguri.

03/06/2014 17:16

Camillo 2

X il "Correttore itagliano" Ma sai amico in che pantano ti sei messo per il tuo VOLER insegnare l'itagliano ? Un certo k-kakka ti subisserà d'improperi, lui dice che questo non è un sito scolastico, e, da ignorante com'è invece di cogliere la palla al balzo, s'incazza. Preparati al suo assalto. Auguri.

03/06/2014 14:06

Ice

vengo ankioooooooo....in tutti i sensi..dove state? ehehehe kissssss

03/06/2014 13:53

MAX

frocio o non frocio,ammesso che sia tutto vero,vedo che l'aids se lo piglia alla svelta

03/06/2014 10:38

Correttore Itagliano

Ma non capisto, ma i preservativi gli hanno inventati per niente. E poi la gente tiene il sida…. Y questa si fa trombare una un trans e da altre 100 uomini ed è contenta…. non ci posso credereper meè un frocio Traduzione dall'itagliano Ma non capisco! I preservativi sono stati inventati per nulla? Poi le persone di lamentano dell'AIDS.... Questa persona è contenta di farsi trombare da una trans e da altri 100 uomini.... Io non ci credo per me è un frocio!

03/06/2014 01:07

westdani

Ma non capisto, ma i preservativi gli hanno inventati per niente. E poi la gente tiene il sida…. Y questa si fa trombare una un trans e da altre 100 uomini ed è contenta…. non ci posso credereper meè un frocio

02/06/2014 17:21

delapegnia

come sempre impossibile dar torto a camillo...

02/06/2014 17:00

Camillo 2

Ti voglio predire il futuro: Andrai avanti e avrai un gande successo come troia, ma ti fermerai al terzo anno nella facoltà di chimica. In altre parole ci sarà un ulteriore culo sfondato e avremo un laureato i9n chimica in meno. Auguri.-

02/06/2014 16:01

Marco

Dove state, vorrei incontrarvi entrambe

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!