• Pubblicata il:
  • Autore: Qualcuno8314
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Qualcuno8314
  • Categoria: Racconti etero

Olivia e lo yacht

ATTENZIONE: Questo è un racconto di fantasia, qualunque riferimento a persone, cose o fatti reali è puramente casuale.


Mi chiamo Bruno, ho 23 anni e sono nato in una famiglia molto benestante, mio padre è un commerciante di gioielli ed è riuscito ad ottenere un patrimonio tale da far vivere me, mia sorella e mia madre nel lusso... io ho cercato di non adagiarmi negli allori, e ho fatto del mio meglio per aiutare mio padre a mandare avanti l'attivitá.
Ma i lettori non sono di certo qui per sentire la storia della mia vita, giusto? Ebbene, dovete sapere che ho un'amica che conosco da tanti anni, alla quale sono molto legato, e che, manco a dirlo, mi attira e mi fa arrapare come un cocainomane in astinenza davanti ad un bel mucchio di polvere bianca.
Lei si chiama Olivia, 22 anni, di media altezza, occhi castani, capelli biondi, corti (anche se non troppo) e lisci, ha un culo stupendo e delle tette meravigliose che lei riesce sempre a far risaltare, seppur non siano particolarmente grosse (avrà una seconda piena, massimo terza)... ed ha un viso delizioso, che ha il pregio di essere bello ma senza essere anonimo, non come i visi delle modelle che appaiono sui giornali di moda.
Di carattere è una ragazza molto normale, ma senza per questo essere noiosa o poco interessante, al contrario è molto allegra e dolce di carattere, quindi anche da questo punto di vista posso dire che mi piace molto.
In poche parole, è davvero bellissima... e sono anni che vorrei farla mia, ma purtroppo non sono mai stato un campione quando si tratta di ragazze.
Durante questa estate, con i profitti guadagnati durante gli ultimi saldi, avevo pensato di affittare uno yacht per un bel festone con i miei amici più intimi... ed è dire tanto, considerando che quando sei ricco c'è sempre il rischio di ritrovarti con dei finti amici che vogliono solo approfittare di te, ma per fortuna ero riuscito a trovarmi una compagnia di amici molto fidata, e, ancor più fortunatamente, Olivia era tra quelli.
Per diffondere la notizia dell'imminente festa, ho iniziato a scrivere a tutti i miei amici per avvertirli, ed ovviamente tra di loro c'era anche Olivia... il dialogo andò più o meno così:
-"Lo sai che vorrei fare una bella festa su uno yacht? andrò ad affittarlo tra qualche giorno"
-"Ma non mi dire! che bello! sarà sicuramente una bella festa"
-"Ma certo... certo che a ben pensarci potrei addirittura osare un po' e fare un harem party... ahahaha" dissi io scherzando.
-"ahaha, addirittura! vedremo se finiremo ad un harem party" replicò lei sempre scherzando (e a queste parole io mi ero già fatto dei viaggi mentali molto eccitanti, seppur riconosco che non avesse detto niente di così strano).
-"Eggià... allora ci sentiamo!"
-"Sisi, e chiamami quando avrai lo yacht!"
Il giorno della festa avevo passato tutto il pomeriggio a sistemare la barca per la sera... un po' noioso è vero, ma la sera prima mi era venuta la brillante idea di chiamare la Olivia per offrirle di vedere "in anteprima" lo yacht, promettendole che avrebbe potuto prendere il sole sul ponte... e lei accettò contenta.
Lei arrivò il mattino stesso, mentre io avevo iniziato i preparativi... era vestita con dei sandali, con degli shorts di jeans e una canottiera bianca... inutile dire che vederla vestita così mi aveva fatto venire voglia di mordermi il labbro dall'eccitazione.
La giornata scorreva piacevolmente, soprattutto per me... mi viene difficile descrivere ciò che provavo davanti a quella vista meravigliosa: ogni tanto lei si addormentava sulla sdraio, permettendomi così di ammirare quella meraviglia di corpo, e dopo aver fatto un bagno usciva dall'acqua tutta bagnata e gocciolante, spingendomi ad immaginare di strusciarmi su di lei in maniera a dir poco oscena, ed era ancora peggio quando si sdraiava sulla sdraio, ancora bagnata, girata da un lato, in una posa che la faceva sembrare un misto tra una dea e una gatta in calore.
Ma l'apice dell'immaginazione arrivava quando lei si metteva a succhiare avidamente il suo ghiacciolo... nemmeno un santo avrebbe potuto evitare di fare pensieri sconci davanti ad una vista simile.
-"Ehi Bruno! che bel panorama, non credi?" disse questo ammirando il molo e il mare in lontananza.
-"Certo, il panorama è bellissimo... ah, e poi anche il molo e il mare sono carini" replicai io... inutile dire che il panorama al quale mi stavo riferendo era proprio lei.
-"Ti stai forse riferendo a me?"
-"Certo che si"
-"Ahahahaha grazie del complimento!"
Quella sera iniziò la grande festa... era venuta addirittura meglio di come mi aspettassi, con tanto da mangiare e da bere, musica e una pista da ballo... tutti si stavano divertendo un mondo... questo anche perchè, sebbene scherzassi quando avevo detto che avrei fatto un harem party, mi era comunque venuta in mente l'idea di portare qualche escort (sia donne che uomini), dando loro la direttiva di... intrattenere il più possibile i miei amici e le mie amiche, ovviamente tutto a spesa mia... quando si tratta di trattare bene gli amici, non bado a spese (seppur mi venisse male al solo pensiero di quanto avrei dovuto lavorare per far quadrare i conti dopo tutti i soldi che avevo speso).
In mezzo alla pista da ballo a ballare c'era lei, vestita stavolta sempre con gli shorts, ma invece di una canottiera aveva una magliettina a righe bianche e nere a maniche corte aderente, mentre al posto dei sandali aveva dei tacchi a spillo... inutile provarci, questa ragazza non riusciva a non farmelo divenire duro... ma quella sera non volevo stare a guardare, volevo prendere l'iniziativa, avevo capito che era giunto il momento adatto, il momento di far vedere che ero un vero uomo, non avevo paura di niente... nel peggiore dei casi sarei perlomeno riuscito a strapparle un bacio.
Così, grazie ad una serie di stratagemmi che non elencherò per non annoiarvi, riuscì a restare solo insieme a lei, portandola in un luogo piuttosto appartato dello yacht.
Iniziammo a discutere del più e del meno, ma ben presto i discorsi cominciarono a farsi un po' più intimi... eravamo entrambi molto vicini, con il mio braccio attorno alla sua spalla, ed il mio cuore che batteva all'impazzata.
Ad un certo più non ce la feci più e la baciai.
Lei, con mia grande gioia, accolse bene il mio bacio... limonammo duro per qualche minuto, con le nostre lingue che si intrecciavano, mentre io, ormai incapace di dominare il mio istinto, presi ad accarezzarla fino ad arrivare a quei fianchi scolpiti.
Ma ad un certo punto lei fece l'impensabile... si abbassò, mi slacciò io pantaloni ed iniziò a giocare col mio cazzo (che era di lunghezza media... circa 15 cm)
-"Ma guarda qui che bel bambino che abbiamo, lascia che mi prenda cura di lui..."
Poi se lo mise in bocca e inizio a succhiarlo come aveva fatto con quel ghiacciolo.
-"Mh... è davvero gustoso..."
-"Oh si, vai così... succhialo per bene... che brava bocchinara che sei... continua così..."
Poi la presi, la alzai e le sfilai maglietta e reggiseno, mettendo in mostra le splendide tette.
-"Oddio che zinne bellissime che hai" dissi iniziando a palpeggiarle e strizzare i capezzoli.
-"Ahahahaha da come me le stai succhiando sembra quasi che vuoi che esca fuori il latte! oh siiiii..."
-"Mi basta anche solo immaginarlo per poterne sentire il sapore... che buono, vorrei essere il tuo bimbo"
Subito dopo lei si tolse shorts e mutandine, tenendo così addosso solo i tacchi... giuro, mai ero stato così eccitato e con il cazzo tanto in tiro come allora... d'altronde lo spettacolo di lei nuda era assurdo per quanto era sensuale.
-"Ma che bella fighetta bagnata abbiamo qui" dissi io massaggiando le sue grazie.
-"Sono davvero arrapata... mi sento sporca, e perciò vorrei che mi punissi... cazzo si, adoro le tue dita"
-"Avrai una punizione esemplare, troietta"
Detto questo la girai dall'altra parte, prendendo il suo culo da dietro ma comunque facendole tenere alzato il busto, e iniziando a massaggiarle la figa con il cazzo.
"Oddio ti prego, non resisto più... mettilo dentro, impalami"
"Non aspettavo altro, preparati a godere come non mai"
Detto questo la penetrai con vigore e iniziai a pomparla con forza
-"Oddio si, lo sento tutto dentro... ohhhhhhhh"
-"Cazzo si, te la sfondo questa fighetta... che culo da favola che hai" dissi questo dandole delle pacche sul culo.
-"Sto godendo come una maiala in calore... chiavamiiiiiiii"
-"Vedere le tue tette che ballonzolano ad ogni mio colpo di cazzo mi fa eccitare ancora di più, mia bella puttanella"
-"Sono troppo arrapata, non capisco più un cazzo... il mio corpo da troia è bellenteeeeeeeee"
-"Hai detto bene, hai un corpo da troia... erano anni che volevo possederti, e oggi finalmente ci sono riuscito"
-"Così mi ecciti ancora di più porco... hai ragione, ora sono solo tua... AAAAHHHH"
-"Oddio sto per VENIREEEEEE"
-"Anch'io... assicurati solo di non venirmi dentro per favore"
-"VENGOOOOOOOOO"
-"SIIIIIIIIII"
Tirai fuori il cazzo e le venni sul culo, inondando quello e la schiena di sperma bollente, mentre lei si contraeva per gli spasmi dovuti dall'orgasmo.
-"Cavolo, che bella scopata... dovremmo rifarlo ogni tanto" disse lei.
-"Puoi dirlo forte" replicai io.
Alla fine continuammo a limonarci ancora un po', fino a quando lei non si addormentò... poco dopo la seguì a ruota, ancora incredulo per quello che era successo quella notte.


Vota la storia:




17/08/2015 11:00

Camillo 2

Senti scemo, abito a oltre trecento km da Milano, ma verrei lo stesso per vedere la tua faccia da culo. Il mio timore è solo quello di avere poi degli incubi notturni. Ciao MONA e smettila di far soffrire col tuo viziaccio quella santa donna di tua madre.

15/08/2015 00:23

fede

vai con le tue camillate, però se vieni, dovrai sostenere l'esame "clear" ci siamo capiti vero?

14/08/2015 15:18

Camillo 2

fede, guarda CULA che quella è la normalità, siete voi CULATTONI che, per noi etero, è difficile capire come non possiate farlo. Ma come fate a baciare un maschio, magari con tanto di baffi, infatti TUTTI I FROCI SONO DEI MALATI, tu per primo. Parola di Camillo 2 che, - BATTE - FORTE - SEMPRE -

13/08/2015 21:56

fede

Sì, è scritto abbastanza bene, solo che fatico a capire, come si possa amare una donna con tanti bei ragazzoni seminudi sulle spiagge. Mah

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!